Italia, Confcommercio: “33 anni per uscire dalla crisi”. Ecco perché

Italia, Confcommercio:

Scende anche a febbraio l’indicatori dei consumi in Italia. A registrarlo è la Confcommercio nel suo report mensile. Dal 2007, ultimo anno considerato pre-crisi, secondo la Confcommercio sono andati in fumo circa 80 miliardi di consumi che hanno interessato soprattutto i beni durevoli. Per tornare ai livelli di consumo del 2007 sempre secondo i calcoli di Confcommercio, ci vorranno circa 33 anni.

I consumi a febbraio
Secondo il report mensile di Confcommercio a febbraio si registra una diminuzione dei consumi dello 0,7% in termini tendenziali ed una variazione nulla rispetto a gennaio. Colpisce in particolare il crollo nei consumi di trasporti (-23%), nell’abbigliamento (-17%) e nei mobili ed elettrodomestici (-14%).

Questo dato conferma l’avvio, già da alcuni mesi, di una fase di stabilizzazione che, però, in assenza di miglioramenti sul versante occupazionale e del reddito disponibile, non riesce ancora a tradursi in una ripresa in grado di far ripartire il ciclo economico.

Ripresa in 33 anni
“Ci vorranno ben 33 anni per tornare ai livelli di consumi pre-crisi”: sentenzia Confcommercio.

Per tornare ai livelli di consumo pre-crisi l’Italia deve recuperare circa 80 miliardi di consumi. Se nei prossimi anni l’Italia avesse una crescita del 3% sarebbero necessari soltanto 12 anni per tornare ai livello di consumi del 2007, ma questa è l’ipotesi più ottimista e meno accreditata.

Infatti la Confcommercio sottolinea che “i limiti strutturali dell’economia suggeriscono di considerare l’ipotesi di crescita all’1% come la più probabile, al 3% come la meno probabile”. Con una crescita all’1%, per recuperare il terreno perso nel settore dei consumi ci vorrebbero molti più anni, esattamente 33.

Meno lungo il cammino per recuperare pienamente i consumi di alimentari che hanno subito una flessione inferiore rispetto a quella dei bene durevoli. In questo caso sarebbero necessari “soltanto” 13 anni di crescita all’1% per realizzare un pieno recupero. Prendendo in considerazione l’ipotesi più ottimistica invece, si arriverebbe al recupero già nel 2016.

Fonte www.forexinfo.it

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.