• Senza categoria
  • 0

Oggi il «popolo dell’acqua» a Montecitorio

Il 4 novembre, il senato ha approvato l’articolo 15 del decreto legge n. 135 «che sottrae ai cittadini l’acqua potabile di rubinetto, il bene più prezioso, per consegnarlo, a partire dal 2011, agli interessi delle grandi multinazionali e farne un nuovo business per i privati e per le banche».

Lo denuncia il Forum italiano dei movimenti per l’acqua, che invita tutto il «popolo dell’acqua», le realtà sociali e territoriali, ambientaliste e per la tutela dei beni comuni, sindacali e degli studenti, alla manifestazione davanti al parlamento a Roma, oggi alle 10,30.

La mobilitazione coincide con la discussione del decreto alla camera, dove è approdato ieri in commissione affari costituzionali, per essere votato in aula il prossimo 16.

Se passasse, si andrebbe speditamente verso la privatizzazione dei servizi idrici e degli altri servizi pubblici, prevedendo: «l’affidamento della gestione dei servizi pubblici a rilevanza economica a favore di imprenditori o di società in qualunque forma costituite individuati mediante procedure competitive ad evidenza pubblica o, in alternativa, a società a partecipazione mista pubblica e privata con capitale privato non inferiore al 40 per cento; la cessazione degli affidamenti ‘in house’ a società totalmente pubblica, controllate dai comuni, alla data del 31 dicembre 2011». www.acquabenecomune.org

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.