Chi Siamo

 

Siamo una ONLUS di fatto e Associazione di Volontariato riconosciuta dalla regione marche e per questo iscritta al registro regionale marchigiano di volontariato con decreto n. 63/TAE del 24/05/2012, il nostro codice fiscale è: 91038020441

Il nostro direttivo è composto: Marco Bruni presidente, Giampaolo De Carolis vice-presidente, Laura Talanga tesoriere, Eloisa Stella segretario, Enrica Piergallini consigliere.

Svolgiamo le nostre attività da quasi 15 anni nel territorio marchigiano e abruzzese.

La nostra sede legale si trova in Viale Crucioli 65 a Grottammare(AP) presso l’InformaGiovani, Tel.: 339 628 0194, E-mail: infoicare (chiocciola) assoicare (punto) org , Pagina Facebook: www.fb.com/AssoICare

“…Sono volontario perchè la mia felicità deriva da ciò che offro… sono volontario perchè aiuto, perchè amo, perchè vivo… perchè l’unica cosa per cui valga la pena di vivere e morire è di rendere qualcuno più felice…”

I motivi che ci hanno spinto a fondare la nostra associazione sono:

  • lo sviluppo di una coscienza critica attraverso l’analisi del contesto, delle relazioni di potere esistenti e delle violazioni in atto, che consenta alle persone di comprendere le cause del problema per agire direttamente su di esse;
  • creare strumenti innovativi e liberamente accessibili a tutti per favorire la crescita di una coscienza civile che produca attivismo civico in una trasformazione da sudditi a CITTADINI SOVRANI;
  • La nostra missione fa riferimento all’articolo 118, ultimo comma, della Costituzione, che riconosce l’autonoma iniziativa dei cittadini, singoli e associati, per lo svolgimento di attività di interesse generale e, sulla base del principio di sussidiarietà, prevede per le istituzioni l’obbligo di favorire i cittadini attivi;
  • Siamo convinti che l’azione dei cittadini consapevoli dei propri poteri e delle proprie responsabilità sia un modo per far crescere la nostra democrazia, tutelare i diritti e promuovere la cura quotidiana dei beni comuni;
  • rafforzare il potere di intervento dei cittadini nelle politiche pubbliche, attraverso la valorizzazione delle loro competenze e del loro punto di vista;
  • attivare le coscienze e modificare i comportamenti dannosi per l’interesse generale;
  • attuare i diritti riconosciuti dalle leggi e favorire il riconoscimento di nuovi diritti;
  • proteggere e prendersi cura dei beni comuni;
  • fornire ai cittadini strumenti per attivarsi e dialogare a un livello più consapevole con le istituzioni;
  • costruire alleanze, collaborazioni e fare rete con le altre associazioni del territorio indispensabili per promuovere un movimento di cambiamente dal basso;
  • Solo i cittadini comuni possono difendere i Beni Comuni. Attiva il tuo Potere ed iscriviti alla nostra associazione.

I nostri valori sono: l’unità, la solidarietà, i valori della costituzione italiana espressi magnificamente in tutta la prima parte della carta ed infine l’impegno in prima persona sporcandosi le mani ( I Care appunto) nella società attuale per migliorarla attraverso strumenti culturali gratuiti (come il Corso di Alfabetizzazione Informatica) per la crescita della società civile.

Cosa vuol dire “I Care”? In inglese letteralmente vuol dire “Mi Interessa”. Fu Don Milani ad adottare il motto “I care”, letteralmente mi importa, mi interessa, ho a cuore (in dichiarata contrapposizione al “Me ne frego” fascista). Questa frase scritta su un cartello all’ingresso riassumeva le finalità educative di una scuola orientata alla presa di coscienza civile e sociale.

Come scriveva e cantava Giorgio Gaber,altro punto di riferimento per i nostri valori fondanti, “La Libertà E’ Partecipazione”. Invece di darci allo sport della critica e della lamentela fine a se stessa molto di moda oggi, ci impegniamo tutti i giorni per cercare, dal basso, di cambiare la nostra società collaborando con tutte le associazioni e gruppi del territorio come col referendum per l’acqua pubblica.

Non siamo legati a nessun partito o movimento politico ma siamo completamenti indipendenti. Siamo solo noi soci che decidiamo della vita e delle iniziative della nostra associazione.

La nostra missione è che la conoscenza del singolo diventi il sapere di tutti, perché per cambiare il mondo prima dobbiamo conoscerlo anche per promuovere iniziative a scopo benefico per aiutare persone in situazioni di difficoltà come le famiglie bisognose e i disabili del nostro territorio.

CHI NON SI ATTIVA E NON PARTECIPA E’PERDUTO!!!

Tutto questo Sempre con Impegno, Passione e Serietà.

 

ALCUNE INIZIATIVE FATTE IN PASSATO

Coerentemnte con i nostri valori abbiamo un conto corrente con Banca Etica che è un istituto bancario che, però, opera sul mercato finanziario con criteri legati all’etica. Se volete farci una donazione il nostro conto IBAN è IT 28 P 03599 01899 050188533956 e le donazioni si possono detrarre come spiegato nell’articolo.

Come scriveva Robert Alan Dahl, i cittadini silenziosi possono essere dei perfetti sudditi per un governo autoritario, ma sono un disastro per una democrazia.

Vorremo combattere quello che sta accadendo da 30 anni a sta parte sopratutto grazie alla televisione con un sistematico imbarbarimento culturale che si trasforma in un lavaggio del cervello per le persone “deboli” non informate e non formate.

Vorremmo provare a diffondere nella società l’accoglienza degli altri e delle altre culture nel reciproco rispetto, diffondere la solidarietà con scambi che danno qualità e significato alla vita.

La nostra missione è combattere il Panem et circenses e sopratutto provare nel nostro piccolo a offrire un alternativa culturale alla società civile italiana oramai solo share televisivo per farli diventare finalmente cittadini sovrani (cit. Don Milani) della repubblica italiana. E’ dura ma c’è la faremo 🙂

Da wikipedia: “L’espressione “Panem et Circenses” rappresentava un meccanismo di potere influentissimo sul popolo romano, era la formula del benessere popolare e quindi politico; un vero bozzo/strumento in mano al potere per far cessare i malumori delle masse, che con il tempo ebbero voce proprio nei luoghi dello spettacolo.”

Per capire il concetto proviamo a vedere cosa è successo in Inghilterra da un inchiesta partita da un giornale della free-press (cioè quei giornali gratuiti che si vendono nella metro) sullo scandalo dei rimborsi elettorali. Ha provocato le dimissioni di mezzo parlamento, di mezzo governo e la sconfitta a valanga dei laburisti. In Italia dove tutti sappiamo cosa succede da sempre compresi i media, cosa avviene ai nostri politici e governanti??? NIENTE…MEDITATE GENTE MEDITATE

Niente è impossibile da capire, se lo spieghi bene

Far sapere è più importante che far ignorare e Per cambiare il mondo prima dobbiamo conoscerlo.

Il filosofo Guy Ernest Debord, il quale nel saggio “La società dello spettacolo” del 1967 parla di crisi della democrazia legata al diffondersi e al prevalere di una società in cui la potenza fascinatoria dell’immagine surroga il reale in qualsiasi aspetto della vita, noi da 10 anni facciamo proposte per opporsi alla crisi della democrazia vissuta oggi nel nostro Paese.

“Oggi in Italia la rappresentazione delle cose sostituisce la rappresentanza reale, Vi è un ritardo culturale e politico nella rappresentanza dei luoghi e della gente. Si pensa di poter vivere in uno Stato in cui vige il regime di conflitto. E’ necessario spostarsi sul terreno dei luoghi dove sono attivi i conflitti reali e mettere in contatto realtà diverse. Luoghi nuovi possono essere creati, ma devono tenersi in contatto. Bisogna alimentare l’esigenza di comunicazione e creare una rete comunicativa in cui i nodi siano gruppi formati da soggetti che di fronte alla crisi della democrazia vogliano attivare percorsi di resistenza ma anche propositi di ottimismo e fiducia”.

“Sentiamo la necessità di capire meglio quali siano i temi del nostro operare. Ci sono alcuni grandi nodi comuni intorno ai quali è necessario discutere e creare rete: diritti e centralità delle persone, comunità locali come luogo del buon vivere, crescita dell’economia sostenibile, questione della resa pubblica di alcuni servizi quali acqua, aria, terra ed energie rinnovabili. Le aggregazioni specifiche possono diventare aggregazioni di senso solo nel momento in cui tutti siano disposti a mettersi in gioco e a stare insieme condividendo una comune progettualità senza però perdere la specificità dei singoli percorsi”.

“Riappropriazione sociale” dei luoghi, ad iniziare dal dire e far sì che acqua, aria, energia e beni comuni nel loro insieme non possano essere messi sul mercato e privatizzati; buona qualità di vita delle persone e giustizia sociale, ad iniziare dal tema del lavoro, del superamento della precarietà, della solidarietà verso i più fragili; economie sostenibili e stili di vita rispettosi dei tempi di rigenerazione della natura; metodi partecipati volti a far sì che siano le popolazioni a scegliere gli assetti del territorio e le forme dei paesaggi.

Come stare insieme: le metodologie, le pratiche, gli strumenti per operare insieme nasceranno dalle esperienze che di volta in volta saremo in grado di attivare, dalla capacità di far tesoro degli errori, dall’umiltà del non avere modelli nella consapevolezza che, se li vogliamo vivi, li dobbiamo costruire facendo. Il punto di partenza è per ora “la rete”: intrecceremo sempre di più le nostre esperienze e le renderemo via via più vicine ed integrate, mantenendo ciascuno la propria specificità ma condividendo competenze, conoscenze, realizzando sui contenuti condivisi azioni e progetti comuni.

La vittoria dei referendum e’ un risultato storico che andrà sui libri di storia , adesso neanche ce ne rendiamo conto, ma i fatti dicono che per la prima volta nella storia della repubblica solo cittadini e associazioni hanno realizzato questo MIRACOLO. Il sogno del 68 di cambiare la Politica dal basso si sta realizzando e finalmente tutti insieme ci stiamo provando.

Secondo noi dopo questa straordinaria e storica vittoria, bisogna tutti con le nostre associazioni, gruppi organizzati e cittadini insieme costruire un movimento che sia la più bella espressione della società civile, impegnato, maturo, informato. Tutto questo anche grazie alla rete, crescere e maturare sempre di più per essere i controllori di questa classe dirigente e che prima possibile dobbiamo rinnovare. Naturalmente nel Piceno lo stiamo già facendo da un pezzo, la cui massima espressione è sicuramente Il tavolo dei beni Comuni che ha portato anche all’impegno per il referendum x l’acqua pubblica.

Vinti i referendum, ora chiederemo che la gestione pubblica dei servizi sia più efficiente, efficace e corretta. Riguardo alla vittoria referendaria contro il nucleare chiediamo un grande investimento sulle rinnovabili! ma in Tetti fotovoltaici e non terreni fotovoltaici e solare termico diffusi. Efficienza energetica, risparmio, modernità e Sobrietà!

Vuoi renderti utile? Vuoi resistere e combattere lo status quo? Vuoi essere il nuovo partigiano per la guerra di liberazione dell’informazione? Vieni con noi…ti aspettiamo. Qui sotto trovi i nostri contatti.

Vuoi sapere la nostra mail vai qui: http://scr.im/icare

Per gli amanti di facebook abbiamo una pagina, iscrivetevi numerosi: http://www.facebook.com/pages/AssoICare

Alcuni video delle nostre passate attività: http://www.youtube.com/user/associazioneicare

Le foto delle nostre passate iniziative: http://picasaweb.google.it/associazioneicare

Ecco il calendario delle nostre attività: http://www.google.com/calendar/embed?src=associazioneicare@gmail.com&ctz=Europe/Rome.

ECCO ALCUNE FRASI E PENSIERI CHE RAPPRESENTANO I VALORI DELLA NOSTRA ASSOCIAZIONE

“E’ nel dono di se, nell’uscire da se stessi, che si ha la vera gioia” Guardate questo meraviglioso video “Il Dono”

“Se non hai il coraggio di rischiare non otterrai mai niente”  (Muhammad Alì)

Come diceva Pitagora, se dai vita ai buoni esempi, sarai esentato dallo scrivere delle buone regole.

Nazim Hikmet, poeta turco, dal carcere scriveva al figlio Mehmet “Non vivere su questa terra come un inquilino… ma immerso, sempre, dalle radici alle fronde”

Dal film l’Attimo Fuggente: “Come ha detto Frost 2 strade trovai nel bosco e io scelsi quella meno battuta ed è per questo che sono divero”

Finché avrò voce per urlare, gambe per rialzarmi, vita da vivere…continuerò a lottare per ciò in cui credo!!!

“Il tempo che avete è limitato. Quindi non sprecatelo vivendo una vita scritta da altri. Siate gli autori della vostra vita” Steve Jobs

“Siate affamati, Siate folli” Steve Jobs clicca qui per ascoltare e vedere tutto il bellissimo discorso che ha tenuto alla Stanford University

“Ciò che più ci conviene sono la gioia e il coraggio, e lo sforzo per realizzare le nostre aspirazioni. Progredire verso i nostri sogni con gioia, impegnarsi con coraggio per raggiungerli: questo dà significato e valore alla nostra vita” Daisahu Skeda

“In Italia, per trent’anni sotto i Borgia, ci furono guerra, terrore, assassini e spargimenti di sangue, ma questi produssero Michelangelo, Leonardo da Vinci e il Rinascimento. In Svizzera avevano amore fraterno, cinquecento anni di democrazia e pace, e che cosa produssero? L’orologio a cucù” (Orson Wells)

“La mafia è una montagna di merda.” (Peppino Impastato da un articolo del giornale L’idea socialista, 1966)

“È nato nella terra dei vespri e degli aranci, tra Cinisi e Palermo parlava alla sua radio, | negli occhi si leggeva la voglia di cambiare, la voglia di giustizia che lo portò a lottare, | aveva un cognome ingombrante e rispettato, di certo in quell’ambiente da lui poco onorato, | si sa dove si nasce ma non come si muore e non se un ideale ti porterà dolore.” (Modena City Ramblers)

“L’unico vero maestro non è in nessuna foresta, in nessuna capanna, in nessuna caverna di ghiaccio dell’Himalaya… È dentro di noi!” (citato in Dentro di noi. Parlano i lettori di Tiziano Terzani, TEA, a cura di A. Bortolotti e M. De Martino)

“Oggi l’economia è fatta, per costringere tanta gente, a lavorare a ritmi spaventosi per produrre delle cose per lo più inutili, che altri lavorano a ritmi spaventosi, per poter comprare, perché questo è ciò che da soldi alle società multinazionali, alle grandi aziende, ma non dà felicità alla gente. Io trovo che c’è una bella parola in italiano che è molto più calzante della parola felice, ed è contento, accontentarsi, uno che si accontenta è un uomo felice.” (Tiziano Terzani (1938 – 2004), giornalista e scrittore italiano. da Anam, il senzanome, Longanesi, 2004)

“E’ normale che esista la paura, in ogni uomo, l’importante è che sia accompagnata dal coraggio. Non bisogna lasciarsi sopraffare dalla paura, altrimenti diventa un ostacolo che impedisce di andare avanti.” (Paolo Borsellino)

“La rivoluzione, non è un pranzo di gala, non è una festa letteraria, non è un disegno o un ricamo, non si può fare con tanta eleganza, con tanta serenità e delicatezza, con tanta grazie e cortesia. La rivoluzione è un atto di violenza” (Mao Tze Tung – Inizio di Giù la testa il grande film del Maestro Sergio Leone)

“Rivoluzione? Rivoluzione? Per favore, non parlarmi tu di rivoluzione. Io so benissimo cosa sono e come cominciano: c’e qualcuno che sa leggere i libri che va da quelli che non sanno leggere i libri, che poi sono i poveracci, e gli dice: “Oh, oh, è venuto il momento di cambiare tutto” […] Io so quello che dico, ci son cresciuto in mezzo, alle rivoluzioni. Quelli che leggono i libri vanno da quelli che non leggono i libri, i poveracci, e gli dicono: “Qui ci vuole un cambiamento!” e la povera gente fa il cambiamento. E poi i più furbi di quelli che leggono i libri si siedono intorno a un tavolo, e parlano, parlano, e mangiano. Parlano e mangiano! E intanto che fine ha fatto la povera gente? Tutti morti! Ecco la tua rivoluzione! Quindi per favore, non parlarmi più di rivoluzione… E porca troia, lo sai che succede dopo? Niente… tutto torna come prima!” (Juan dal film Giù la testa del Maestro Sergio Leone)

“Sorridi anche se ti fa male il cuore” (dalla canzone Smile scritta da Charlie Chaplin per ‘Tempi Moderni’)

« A che serve vivere, se non c’è il coraggio di lottare? » (Giuseppe Fava)

“Chi lotta può perdere….chi non lotta ha già perso” (Ernesto Che Guevara)

« Prevarremo perché la nostra causa è giusta, perché la nostra causa è fondata. … La Storia è dalla nostra parte. Il Tempo è dalla nostra parte» (Aung San Suu Kyi)

« La lotta per la democrazia e i diritti dell’uomo in Birmania è una lotta per la vita e la dignità. È una lotta che comprende le nostre aspirazioni politiche, sociali ed economiche. » (Aung San Suu Kyi)

PLATONE: “La sua dottrina insegna che nella vita non bisogna inseguire falsi valori come il danaro, il potere e il successo. Essi sono ombre della realtà, ben più vasta, al di là della portata dei nostri occhi.”

ERSAMO: “Di recente è stato scoperto che l’innamoramento e la follia sono generati dallo stesso ormone, l’ossitocina. E’ la follia a precedere l’innamoramento o viceversa? Per Erasmo era la follia.”

GANDHI: “Dobbiamo diventare il cambiamento che vogliamo vedere.”

TORO SEDUTO: “Quando avrete abbattuto l’ultimo albero,quando avrete pescato l’ultimo pesce,quando avrete inquinato l’ultimo fiume,allora vi accorgerete che non si può mangiare il denaro.”

PIETRO NENNI: “A fare a gara a fare i puri, troverai sempre uno più puro che ti epura”

CONFUCIO: “Colui che desidera assicurare il bene di altri si è già assicurato il proprio”

ANNA POLITKOVSKAJA: “Raccontare i fatti, i fatti come stanno, come sono, sembra la cosa più facile, invece qui è la più difficile. Ed ha un prezzo altissimo. Quale prezzo? Che non fai più un mestiere, ma combatti una guerra. Lotti. Ti senti in lotta.”

STEFANO BENNI: “Computer: cretino ad alta velocità in dotazione, spesso, a cretini molto lenti.”

MAURICE WILKES: “Non appena iniziammo a programmare, scoprimmo con nostra sorpresa che ottenere programmi corretti non era cosi’ facile come avevamo pensato. Si dovette scoprire il debugging. Ricordo l’istante esatto in cui realizzai che gran parte della mia vita da allora in poi avrebbe dovuto essere spesa nella ricerca degli errori nei miei propri programmi.”..1949

Horacio Verbitsky: “Giornalismo è diffondere quello che qualcuno non vuole che si sappia, il resto è propaganda”

PASOLINI: “.. e noi abbiamo una vera missione, in questa spaventosa miseria italiana, una missione non di potenza o di ricchezza, ma di educazione, di civilta’”

Gandhi: «Prima ti ignorano, poi ti deridono, poi ti combattono, poi vinci». Proprio quello che è accaduto con i referendum

Edgar Morin: «Se fossi guidato solo dal lume della ragione dovrei dire che il mondo va verso la catastrofe, che siamo sull’orlo dell’abisso. Tutti gli elementi che abbiamo sotto gli occhi ci prospettano scenari apocalittici. Ma nella storia dell’umanità esiste l’imprevisto, quel fatto inatteso che cambia il corso delle cose. Ecco perché, in fondo, sono ottimista»

31 pensieri su “Chi Siamo

  1. ho letto con attenzione è una cosa molto interessante e nuova nn ero a conoscenza di tutto questo…io sono di genova e partecipare ai vostri incontri mi sarà difficile cmq se mi madate e.mial io vi seguirò e se ci saranno incontri a genova se è nelle mie possibilità parteciperò

    grazie per la vostra attenzione
    maria vittoria pittamiglio

  2. Ciao Maria,
    grazie per aver letto e visitato con attenzione il nostro sito. Noi siamo dei semplici cittadini che però tutti i giorni cercano di cambiare lo status quo di questa società italiana, spero presto di poter fare qualcosa a Genova oppure magari ci vieni a trovare nelle Marche? 🙂
    Grazie un abbraccio..Marco

  3. Io sto a Montecchio (Terni). Il vostro programma mi piace. Non so se potrò venire a trovarvi, ma sono d’accordo con voi. Saluti cordiali,
    Valeria Borgia

  4. Ciao Valeria, ci fa piacere conoscere nuove persone che condividono i nostri valori ed il nostro cammino quando vuoi venire dalle nostre parti ci farebbe tanto piacere se ci venissi a trovare tanto abbiamo sempre quanche iniziativa da svolgere in corso..Marco

  5. Ciao a tutti!!! Una domanda pratica: è possibile aprire una sezione della vostra ass. anche in un paesino?

  6. Eccomi. Sono molisana e abito in provincia di Campobasso. So che a Isernia già avete una sezione, o cmq c’è un’ass. che prende il vostro nome.

  7. Un’altra domanda. L’ass. si occupa di qualsiasi tematica o questione o fatto che abbia una qualche rilevanza sociale? Es. legalità (iniziative di promozione, formazione e denuncia), ambiente(maltrattamento animali…), solidarietà (iniziative varie), informazione, disagio e mondo giovanile, cultura più in generale… Essendo personalmente interessata per l’appunto a diversi aspetti del sociale mi piacerebbe operare in una dimensione che permetta a me e ad altri di essere rete e di, per l’appunto, “prendersi cura, preoccuparsi, interessarsi” insieme. Per non restare una voce solitaria che ‘grida nel deserto’

  8. Non siamo noi. Ancora non abbiamo aperto una sezione in Molise. Mi hai chiamato tu stamattina al cellulare?

  9. ciao Marco,ho letto con interesse e curiosità su questo spazio dove trovo molti punti di condivisione. Qualora ritieni possa fornire anche un minimo contributo,considerando che per i miei motivi di salute tutte le mie operazioni nel campo sociale partono esclusivamente dai miei mezzi tecnologici,sarò lieto di partecipare alla condivisione

  10. Gennaro ogni aiuto e contributo è prezioso alla crescita dell’associazione e alla costruzione di un nuovo rinascimento culturale..GRAZIE

  11. Credo sia una bella iniziativa che può sensibilizzare i giovani a non crescere con l’anello al naso! Scambiare informazioni e imparare a lottare per il cambiamento al bene comune a difendersi dalle ingiustizie che sempre più imbrigliano il nostro paese ..

  12. Bei contenuti.
    Mi ha colpito molto la scelta della canzone “Smile” di Chaplin, che è stata sempre la mia bandiera.
    “Smile though your heart is aching, smile even though it’s breaking…”
    Ed in effetti, dato il momento politico-sociale che stiamo vivendo, il cuore rischia di spezzarsi ad ogni secondo.

  13. Bungiorno,…….in tanto Marco ti ringrazio dell’invito….e condivido molti punti di questo spazio che ho letto con attenzione……….
    E’ da un anno che non abito più a Milano……e partecipare personalmente agli incontri mi
    è un pò difficile….comunque vi seguirò con interesse…….Buon Lavoro

  14. entusiasta del fatto che dal Sud si promuovano movimenti ed associazioni pro-cultura,ringrazio Marco per l’impegno,per l’invito e per la pazienza instancabile,nel ricordarmi gli appuntamenti previsti per gli incontri,sperando di non deludere le aspettative…vi saluto con grande stima.Buon lavoro.

  15. Ho letto con attenzione la “presentazione” e gli scopi che perseguite. Mi trovo in totale sintonia e ciò già mi procura molto piacere perché, pur trattandosi di tematiche abbastanza ovvie nella loro ‘naturalezza’, non sono affatto percepibili o, addirittura, palesemente respinte, dalla stragrande massa dei cittadini. Forse è perché non si rendono conto o danno per scontata, immodificabile, la vita che ognuno … è costretto a fare.
    Ai miei giovani amici dell'”Accademia della pula”, con i quali ci si trova settimanalmente per affrontare tematiche culturali, ho fatto questa premessa: “Per comprendere realmente il ‘senso della vita’ prima è bene fare un riflessivo giro in qualche ospedale, casa di riposo e cimitero. Solo così potete afferrare il senso del dolore, del tempo, della morte e capire chi realmente siete. Una volta giunti a questa presa di coscienza, potete leggere tutti i libri che volete per meglio completare la vostra formazione umana”.
    Mi sembra un consiglio doveroso e utile per l’immediatezza intellettuale. Tanti saluti e auguri Romolo

  16. Sono completamente d’accordo con te, infatti le nostre conferenze ed eventi hanno come ispirazione la vita e lo scopo non è di fare cose intelletualoidi che non servono a niente ma concrete che si capiscono e che siano utili a tutti.

  17. sono arrivata a questo sito dai link di Facebook. mi chiamo Mena, sono napoletana ma vivo ad Ascoli Piceno. è invitante e stimolante sapere che ci sono associazioni come “I care” e persone motivate e realmente interessate al benessere comune, al vivere insieme esperienze importanti,concrete, serie, ma di viverle nella assoluta serenità e condivisione.
    io sono laureata in Lingue e mi interesso di formazione e risorse umane, se il mio contributo può esservi utile in qualche modo, spero non esiterete a contattarmi.
    complimenti e buon lavoro!

  18. Ho letto con attenzione la “presentazione” e gli scopi che perseguite. Mi trovo in totale sintonia e ciò già mi procura molto piacere perché, pur trattandosi di tematiche abbastanza ovvie nella loro ‘naturalezza’, non sono affatto percepibili o, addirittura, palesemente respinte, dalla stragrande massa dei cittadini. Forse è perché non si rendono conto o danno per scontata, immodificabile, la vita che ognuno … è costretto a fare.
    Ai miei giovani amici dell’”Accademia della pula”, con i quali ci si trova settimanalmente per affrontare tematiche culturali, ho fatto questa premessa: “Per comprendere realmente il ‘senso della vita’ prima è bene fare un riflessivo giro in qualche ospedale, casa di riposo e cimitero. Solo così potete afferrare il senso del dolore, del tempo, della morte e capire chi realmente siete. Una volta giunti a questa presa di coscienza, potete leggere tutti i libri che volete per meglio completare la vostra formazione umana”.
    Mi sembra un consiglio doveroso e utile per l’immediatezza intellettuale. Tanti saluti e auguri Romolo

    +1

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *