Sì al fotovoltaico, non sui terreni liberi. Napolitano però firma il decreto

Pubblicato il Pubblicato in Senza categoria


Il Movimento Stop al Consumo di Territorio polemizza contro l’introduzione del nuovo decreto taglia rinnovabili. Era meglio proibire l’occupazione dei terreni liberi e puntare sui tetti. Napolitano intanto approva.

Il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, ha firmato ieri il D.Lgs rinnovabili di attuazione della direttiva 2009/28/CE. A questo punto il provvedimento verrà inviato alla Gazzetta Ufficiale ed entrerà in vigore il giorno successivo alla sua pubblicazione.

Il Presidente dunque evidentemente non ha accolto l’appello degli operatori a non avvallare il decreto, ritenuto per vari motivi incostituzionale. (Qualenergia.it, Appello al Presidente: ‘Il decreto rinnovabili è incostituzionale’).

Il Movimento Stop al Consumo di Territorio intanto ha espresso il massimo disappunto nell’analizzare il decreto sulle rinnovabili, approvato giovedì scorso dal Consiglio dei Ministri.

Il Movimento Stop al Consumo di Territorio aveva ritenuto indispensabile, nel Novembre 2009, avviare la campagna nazionale “Sì al fotovoltaico, ma non su terreni liberi” evidenziando il manifestarsi di gravi squilibri nell’indirizzo di una politica energetica nazionale che, se da un lato promuoveva ed incentivava i nuovi impianti di produzione di energia da fonti finalmente non fossili, allo stesso tempo non teneva conto dell’esigenza di dirigere gli investimenti e, macroscopicamente, favoriva l’esproprio di immense distese di terreni fertili (e di agricoltori …) per far spazio a grandi investimenti a terra.

“Avevamo sollecitato la Conferenza Stato/Regioni a voler discutere ed approvare, finalmente, apposite linee guida di regolamentazione del fenomeno, ferme dal 2003.

Avevamo sollecitato la necessità di non incentivare economicamente i nuovi impianti a terra e, all’opposto, di stimolare la capillare realizzazione dei nuovi impianti sui tetti di capannoni, abitazioni, strutture edilizie già esistenti, piazzali ed ogni altra situazione già “compromessa” da cemento ed asfalto.

Convinti che migliaia (milioni …) di piccoli interventi fossero anche una garanzia per un diffuso vantaggio della intera popolazione e non l’ennesimo atout per esclusive grandi speculazioni.

Ci eravamo detti delusi per il poco coraggio con cui la Conferenza Stato/Regioni ed il Governo avevano deliberato l’agognata regolamentazione nell’estate dello scorso anno, demandando alle singole Regioni i criteri attuativi di queste linee guida insufficienti nel tutelare – con forza – terreni e paesaggi.

Oggi, con grande amarezza, annotiamo questo ennesimo spiacevole atto da parte di un Governo che, in modo sempre più evidente, mostra di voler azzerare qualunque intelligente e pianificata strategia per traghettare il Paese verso l’energia alternativa alle fonti fossili, per un ritorno al nucleare domestico, evidentemente obiettivo primo degli intendimenti del Governo stesso (ma l’imminente voto referendario siamo certi saprà fermare questo insano desiderio …) .

Non possiamo non leggere in questo modo la nuova ravvicinata scadenza del Conto energia in vigore, con due anni di anticipo e ridefinendo in forma retroattiva le sovvenzioni già promesse e praticamente assegnate; la decisione di ridurre drasticamente gli incentivi futuri; l’assenza di un’intesa con le Regioni”.

Il Movimento Stop al Consumo di Territorio, nel ribadire il suo “Sì al fotovoltaico, ma non su terreni liberi”, il suo fermo invito a votare SI’ al prossimo referendum contro il nucleare.

Fonte: aamterranuova.it

2 pensieri su “Sì al fotovoltaico, non sui terreni liberi. Napolitano però firma il decreto

  1. Purtroppo fanno solo i loro interessi…scordano che i soldi prima o poi li lascieranno tutti qua sulla terra

  2. Hai ragione Lisa e sopratutto come sempre i nostri politichetti sanno solo guardarsi il loro ombelico facendo finta di non capire che investire nelle energie alternative è strategico per il nostro futuro ambientale e lavorativo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *