Evviva il sogno americano…Gli USA ammettono di aver inoculato volontariamente sifilide e gonorrea in Guatemala

Pubblicato il Pubblicato in Senza categoria

Secondo la BBC Brasile, oggi, primo ottobre 2010, gli Stati Uniti avrebbero chiesto ufficialmente scusa per aver diffuso sifilide e gonorrea in Guatemala, durante esperimenti medici tra il 1946 ed il 1948, ed annunciano investigazioni sul caso, dopo piú di 50 anni.

La ricerca consisteva in infettare malati psichiatrici e detenuti guatemaltechi – senza il loro permesso – con i microbi che causano le malattie veneree, credendo di ottenere informazioni per i vaccini.

Informato sulle rivelazioni, il presidente guatemalteco Álvaro Colom ha accusato gli USA di crimine contro l´umanitá.

Le prove dell´esistenza del programma – organizzato dal Servizio di Salute Pubblica degli Stati Uniti e con regolare permesso del governo del Guatemala – sono state dimostrate dalla professoressa Susan Reverby, della Universitá statunitense di Wellesley.

Pare che i medici utilizzassero sia l´inoculazione diretta che prostitute in carne e ossa infettate da sifilide e gonorrea. Alle ignare cavie venivano somministrate dosi preventive di penicillina per valutarne il potere curante/vaccinante. Non si hanno attualmente informazioni sul destino delle “cavie”, neanche se i malcapitati furono curati o abbandonati a loro stessi.

La stessa professoressa Susan Reverby, durante il governo di Bill Clinton aveva divulgato il risultato di un altro esperimento – il progetto Tuskegee – una ricerca in cui scienziati statunitensi osservavano il progresso della sifilide in negri americani senza curarli, e senza che gli stessi sapessero di essere infetti. Clinton aveva a suo tempo chiesto scusa anche per questi esperimenti.

Fonte in portoghese: http://www1.folha.uol.com.br/bbc/807943-eua-pedem-desculpas-por-espalhar-gonorreia-e-sifilis-na-guatemala.shtml
Traduzione dal portoghese: Alessandro Vigilante

Alessandro Vigilante su http://www.gennarocarotenuto.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *