La strage silenziosa delle polvere sottili

Pubblicato il Pubblicato in Senza categoria

In Europa muoiono 350 mila persone ogni anno a causa delle emissioni di particolato. Procedura d’infrazione contro l’Italia: le scuse non reggono! Perchè nessuno ne parla? Secondo me è molto più importante ed urgente risolvere l’inquinamento nelle nostre città piuttosto che il riscaldamento globale, che ne pensi?

Ultimo appello all’Italia da parte del commissario all’ambiente Janez Potoknik: il Paese non attua misure sufficienti per contenere le emissioni di particolato.
Si tratta dell’ultimo avvertimento scritto nella procedura di infrazione che la Commissione europea ha aperto lo scorso anno nei confronti all’Italia. Bruxelles e gli Stati membri hanno negli ultimi anni dichiarato guerra alle particelle sottili contenute principalmente nelle emissioni dell’industria, del traffico e degli impianti di riscaldamento domestico, in quanto possono causare asma, problemi cardiovascolari, tumore ai polmoni e, per l’appunto, morte prematura.

L’inquinamento atmosferico continua a causare ‘ogni anno piu’ di 350.000 morti premature in Europa. In Italia sono ancora troppi i luoghi dove, per ogni 10.000 abitanti, piu’ di 15 persone muoiono prematuramente solo a causa delle particelle sottili’, le PM10.

L’infrazione, riguarda l’applicazione della direttiva Ue sulla qualità dell’aria che è entrata in vigore nel giugno 2008 e che autorizza gli Stati membri a chiedere, nel rispetto di certe condizioni e per determinate parti del paese, una proroga di durata limitata per l’adeguamento alle norme in materia di PM10 in vigore nel 2005.

L’Italia come altri Stati membri – spiega Bruxelles – ”ha inviato richieste di proroga riguardanti circa 80 zone situate in 17 regioni e province autonome”. Bruxelles ha però respinto gran parte delle richieste in quanto le zone non soddisfacevano tutte le condizioni previste dalla direttiva, in particolare la garanzia del rispetto dei valori limite Ue entro il termine della proroga’. I valori limite per il PM10 impongono una concentrazione annuale di 40 microgrammi per m3 e una concentrazione giornaliera di 50 microgrammi per m3, che non può essere superata per più di 35 volte all’anno.

Fonte: Ansa e aamterranuova.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *