Nasce “LUOGHI COMUNI”, un movimento di trasformazione della realtà locale

Pubblicato il Pubblicato in Senza categoria

Accogliendo il patrimonio progettuale e il metodo partecipativo dal basso attuato da varie amministrazioni comunali e in particolare dall’amministrazione provinciale guidata da Massimo Rossi, LUOGHI COMUNI è uno spazio libero di discussione,aperto a tutti

Costruire spazi per la ricerca e la realizzazione di progettualità innovative, sperimentare forme rinnovate di partecipazione democratica, sensibilizzare i cittadini sui temi della sostenibilità, della giustizia sociale, della gestione non privatistica del bene comune, proporre e realizzare azioni e progetti per dare risposte reali ai problemi del territorio e del mondo: questi i principali intenti del movimento LUOGHI COMUNI.

Accogliendo il patrimonio progettuale e il metodo partecipativo dal basso attuato da varie amministrazioni comunali e in particolare dall’amministrazione provinciale guidata da Massimo Rossi, LUOGHI COMUNI è uno spazio libero di discussione, aperto a tutti coloro che intendono svolgere un ruolo attivo nelle dinamiche di cambiamento socioeconomico, culturale e politico che il territorio, nel più vasto orizzonte globale, sta vivendo.

Esso non si contrappone ai partiti tradizionali anzi vuole essere un luogo comune di riflessione, ascolto reciproco, dialogo, approfondimento, proposta e progettazione anche di iniziative politiche. Intende aprire percorsi condivisi fra persone, con o senza tessera di partito, che abbiano intenzione di impegnarsi sui problemi concreti e di attivare relazioni autentiche per valorizzare le differenze e non chiudersi entro i recinti dalle appartenenze.

LUOGHI COMUNI vuole dare risposte locali a problemi globali ed è laboratorio di buona politica, di autogoverno e di democrazia dal basso in stretto raccordo con quanto sta avvenendo in numerosi altri contesti locali, regionali e nazionali.

Info: www.luoghi-comuni.org | info@luoghi-comuni.org

Per leggere tutto l’articolo del quotidiano.it clicca qui

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *