Stanno ammazzando Report

Pubblicato il Pubblicato in Senza categoria

Avete presente Report? A dare la notizia che è già al centro di una vera sommossa internettiana è Aldo Grasso sul Corriere della Sera. Scrive:

Non è un mistero che una trasmissione come quella di Milena Gabanelli sia a rischio. Non solo per compatibilità con la nuova dirigenza ma anche perché il dg Masi le ha tolto lo scudo dell’assistenza legale nonostante non abbia mai perso una causa

Insomma: mamma Rai non garantirebbe più ai giornalisti di Report la copertura legale.
Per l’Unità, il primo affondo a Milena Gabanelli e ai suoi inviati e collaboratori, da sempre noti e impegnati in inchieste che vanno (ancora) al di là dell’ordinaria amministrazione dell’odierna informazione, lo aveva sferrato Giulio Tremonti, presentando un esposto per la puntata di Report del 5 aprile dedicata alla social card, nel corso della quale, secondo il ministro, erano stati lesi “i principi di completezza, correttezza e obiettività” dell’informazione. Tesi bocciata dall’Agcom che ha archiviato la denuncia del titolare del dicastero dell’economia sostenendo che “non si rilevano sconfinamenti del diritto di critica”, poiché “la tecnica informativa tipica di Report è stata ritenuta legittima dal Tribunale civile di Roma”.

Ora siamo alla copertura legale. I giornalisti dovranno provvedere di tasca propria alle spese legali cui sono “naturalmente” esposti. Ad oggi, Report non ha comunque perduto una causa. E nel mentre la Rete si è levata a difesa del programma, con i blogger scatenati e, naturalmente, con gruppi e appelli su Facebook.
Oltre a Sabrina Giannini, Sigfrido Ranucci, Stefania Rimini e gli altri giornalisti di Report, mamma Rai ha anche un altro paio di “gatte da pelare”. Rai3 non ha ancora un direttore. E si rimanda la partenza di AnnoZero: i contratti per la redazione del programma non sono pronti, e si ipotizza soprattutto la “doppia conduzione”: Michele Santoro affiancato da una controparte “appartenente allo schieramento a (lui) avverso”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *