U.S.A. e F.b.i., ovvero come basare una democrazia sul ricatto

Pubblicato il Pubblicato in notizia

fbi1

Fbi, ecco gli archivi della “Room 6527”
In esclusiva per il nostro settimanale una scelta dei 5mila documenti provenienti dalla leggendaria stanza del Bureau che custodiva i dossier più scottanti

http://espresso.repubblica.it/internazionale/2014/02/27/news/fbi-si-svelano-gli-archivi-della-room-6527-1.155231

FBI, Security of communications
Il memorandum desecretato risale agli anni della seconda Guerra mondiale. L’Fbi discute le tecniche per garantire la sicurezza delle comunicazioni diplomatiche e per rivelare se le comunicazioni sono state violate. Il vapore usato comunemente per sciogliere la colla che sigilla le buste, è una soluzione rilevabile dall’occhio esperto. Ma si può perfezionare: lasciando un’intera notte la lettera sigillata in una giara che contenga dell’acqua nel fondo, la busta si apre come se fosse stata esposta al vapore, ma senza lasciare segni. I giapponesi, però – raccontano i file dell’Fbi- avevano trovato un loro rimedio: colle a cui era stato aggiunto il rosso dell’uovo, una sostanza estremamente sensibile all’umidità

http://espresso.repubblica.it/internazionale/2014/02/27/news/fbi-diplomatic-establishments-2-1.155207

FBI, Diplomatic establishments
Il memorandum desecretato contiene file dagli anni ’50 fino al 1986. Nel 1986 l’Fbi conduce un’ispezione nei propri uffici all’estero, che si trovano negli edifici delle ambasciate americane. A Parigi e a Roma, le falle nella sicurezza degli uffici Fbi sono grossolane. A Roma l’Fbi avverte un assistente di fare attenzione a commentare sulle autorità italiane, in quanto il telefono potrebbe essere intercettato

http://espresso.repubblica.it/internazionale/2014/02/27/news/fbi-diplomatic-establishments-1.155224

FBI, i Confidential Files Room
Il file desecretato contiene documenti degli anni ’50 e ’60. Sebbene sia passato oltre mezzo secolo, molti documenti sono stati rilasciati in forma pesantemente censurata. I documenti raccontano perché certi file andavano conservati nell’archivio più segreto e irraggiungibile dell’FBI: la “room 6527”. I titoli di alcuni documenti, come “pervertiti sessuali nel governo” e le avvertenze del tipo «il file è situato nella stanza speciale dell’archivio a causa della natura oscena dei suoi contenuti», esemplificano a cosa serve una macchina della sorveglianza capace di scoprire e archiviare segreti su tutto e tutti: serve a ricattare

http://espresso.repubblica.it/internazionale/2014/02/27/news/fbi-i-confidential-files-room-1.155202

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *