Il nucleare costa più del previsto

Pubblicato il Pubblicato in Senza categoria

Un recentissimo studio inglese mette in luce una sottostima dei costi del prezzo dell’energia prodotta dall’atomo. 70 euro al megawatt, contro i 40 preventivati dal governo italiano. Sui progetti in corso pesano cinque rischi di base…

L’elettricità che verrà prodotta dagli impianti nucleari in costruzione avrà costi più alti del previsto. È quanto sostiene un rapporto intitolato “New Nuclear, The Economics Say No” pubblicato nel novembre 2009 da Citi Investment Research & Analysis, divisione di Citigroup Global Market. Il documento, curato da Peter Atherton, Andrew M Simms, Sofia Savvantidou, Stephen B. Hunt, rileva che – nell’ipotesi di maggiori costi pari al 20% (del tutto “fisiologici” in questi casi) e di ritardi di due anni nella costruzione – il prezzo dell’energia dovrà essere pari ad almeno 70 euro per megawatt affinché gli investimenti siano ragionevoli.

Questa cifra risulta essere superiore rispetto ai 65 euro attuali, ma molto più alta rispetto alle rosee indicazioni fatte qualche giorno fa dal sottosegretario allo Sviluppo economico, Stefano Saglia, che indicava in 40 euro il costo futuro al megawatt. Alla voce prezzo dell’energia il rapporto ricorda che ogni centrale nucleare ha moltissimi costi fissi e pochi costi variabili. Di conseguenza, cash flow e capacità di produrre profitto derivano dal prezzo di vendita dell’elettricità. Ma il prezzo di 65 euro a MW stimato per poter mantenere in equilibrio i conti si è avuto in Gran Bretagna solo per 20 degli ultimi 115 mesi, durante i quali il costo era “drammaticamente” crollato portando – spiegano gli esperti di Citigroup – British Energy sull’orlo della bancarotta. Di qui un monito per i governi e (ancor di più per i consumatori): “nessuna centrale nucleare è mai stata costruita laddove gli investitori si assumevano il rischio del crollo dei prezzi…”.

Più nel dettaglio, dal documento – che analizza le ricadute finanziarie sugli investitori derivanti dalla realizzazione di impianti nucleari in Gran Bretagna – si apprende che sulla strada del radioattivo si trovano sempre i cosiddetti “cinque rischi”: progetto, realizzazione, tempi di consegna, prezzo dell’elettricità, smaltimento scorie. Se la cosiddetta fase di planning costituisce il problema minore, è certamente la costruzione dell’impianto a preoccupare gli analisti. Le ultime stime parlano di un range di costo che varia tra 2.500€-3.500€ per KW. Per 1.600 MW il costo si dovrebbe aggirare in 5,6 miliardi di euro ( e difficilmente, si apprende, queste cifre dovrebbero abbassarsi).

A questo proposito fa scuola il reattore finlandese Epr di Olkiluoto, simile a quelli che si vogliono costruire in Italia. Il suo costo è già cresciuto da 3 miliardi a 5,6 miliardi, ed è molto arduo azzardare stime per altri impianti. Di certo le previsioni e il ritorno sugli investimenti – rileva lo studio – in questi casi potrebbero causare enormi problemi sui bilanci di investitori e utilities coinvolte. Ma sono proprio i tempi di consegna un altro enorme fattore di rischio per gli investitori. L’eventualità di posticipare l’accensione, anche solo di sei mesi, può valere la perdita di 100 milioni di sterline in costi diretti e mancati guadagni. Messi insieme, dunque, i problemi derivanti dalla realizzazione e i relativi ritardi, si viene a creare spesso un pesantissimo overbudget sull’opera finale. L’analisi cita alcuni casi in giro per il mondo: in Tennesse i costi dei reattori Bellefonte 3,4 da 2234 MW combinati sono passati da 5,6 miliardi di dollari a 10,4. In Francia Edf, per Flamanville, ha già dovuto spendere 3,6 miliardi di euro in più. Uno studio del prestigioso Mit di Boston riporta che, dal 2003, tutti i tipi di impianti hanno evidenziato una fortissima escalation dei costi, per circa il 15% annuo in più.

Fonte aamterranuova.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *